5 modi per proteggere il vostro sito dalle penalizzazioni di Google

evitare-penalizzazione-google

19 Apr 5 modi per proteggere il vostro sito dalle penalizzazioni di Google

Tutti nel mondo SEO ne parlano … un nuovo aggiornamento di Penguin è in arrivo e al confronto gli aggiornamenti effettuati di recente sono veramente poca cosa. Gli specialisti SEO sono terrorizzati, si chiedono se i loro siti, e i loro business, saranno fermati come è successo a tanti altri l’anno scorso.

In questo articolo passerò in rassegna 5 modi per proteggere il vostro sito in modo da poter dormire sonni tranquilli, sapendo che il traffico verso il tuo sito non si fermerà. Se invece il tuo sito è già stato colpito da penalizzazioni, ecco ottimi consigli per il recupero.

1. Controllare i tuoi links mensilmente

Quanti dei vostri link sono di alta qualità e quanti da siti di bassa qualità?

Se trovate link da siti di spam o di bassa qualità, perché non inviate la richiesta per rimuovere il link? Se lo fai, documentalo anche! Tieni traccia di tutto quelli che hai inviato via email e quando. Potresti avere bisogno di queste informazioni se si vuole rimuovere la penalizzazione per presentare una richiesta di riconsiderazione.

Ci sono una serie di strumenti SEO che è possibile utilizzare per monitorare i backlinks. Scegli il tuo preferito e non dimenticate di fare questo ogni mese!

2. Qual è la tua Anchor Density

Un alta densità di ancoraggio se parlate di denaro per esempio è uno dei principali indicatori di manipolazione SERP che porta a sanzioni Penguin.

Tenendo d’occhio la Anchor Density delle parole chiave è importante. Ogni mese, dovete assicurarvi di controllare il rapporto Anchor Density e assicurarvi di essere sotto il 15% quando parlate di soldi/denaro.

La densità di ancoraggio per le keyword riguardanti il marchio possono andare sopra il 50%, senza sanzioni, ma se la Anchor Density si concentra su termini di denaro, allora questo potrebbe provocare penalizzazioni. Se si nota che la densità diventa troppo alta, affrettatevi a modificare i testi per diminuire le percentuali.

Assicuratevi inoltre di utilizzare parole chiave semanticamente correlate, usate sinonimi ed evitate di ripetere troppo le parole chiave secche !

3. Rapporti LINK: Cosa controllare, e perché sono importanti

Quando fate un controllo dei link inbounds (in entrata), cercate di suddividerli in una griglia a seconda delle differenti tipologie e anche in base alla loro provenienza.

Ecco come monitorare e suddividere i links per mantenere la salute di un sito:

Posizione del link: intestazione, nel paragrafo, nella lista di link, all’interno del contenuto, blogroll (barra laterale);

Tipo di link: immagine, citazione, testo,;

Tipo di sito web: blog, CMS, generico, directory, social network;

Tema del dominio: affari, contenuti e news, portali, computer;

Link presenti all’interno delle pagine;

Deep linking.

Se, per esempio, anche molti dei collegamenti provengono da directory, questo può indicare uno squilibrio, cercherò allora di costruire collegamenti alternativi per creare un profilo di backlinks sano.

4. Controlla il tuo webmaster tool

Questo è ovvio ma molti proprietari di siti non hanno un account webmaster tool impostato o non lo monitorano. Questo è importante!

Guardando i link che Google visualizza nel tuo account può aiutarti a trovare i collegamenti che Google sta riconoscendo problematici. Tenere sotto controllo questi link vi aiuterà a identificare rapidamente la bassa qualità o i collegamenti negativi.

Può anche essere che Googlebot ha problemi di accesso al tuo sito o qualcosa è andato storto con il server e ci sono numerosi crawl o errori di pagina. Monitorando il tuo account “webmaster tool” farai in modo di ridurre al minimo i potenziali problemi prima che diventino penalizzazioni o una perdita di classifiche SERP e traffico.

5. Creare Google Analytics Alerts

Creando un apposito alert, è possibile avere da Google Analytics informazioni se il traffico è diminuito o se qualcosa è cambiato.

Qui ci sono alcuni tipi di alert che dovrebbero essere creati per tutti i siti:

– 10% di diminuzione del traffico

– frequenza di rimbalzo aumenta di oltre il 5%

– il traffico organico di Google è diminuito di oltre il 5%

A volte una piccola diminuzione è indice di problemi che se presi per tempo possono evitare una maggiore perdita di traffico.

Infine: Costruire collegamenti di alta qualità

Un collegamento ad alto valore vale centinaia di link di bassa qualità. L’ho visto più e più volte, analizzando i profili backlink di siti con classifiche forti. Una manciata di link provenienti da fonti affidabili può aumentare il ranking di un sito notevolmente.

Post A Comment